2019CalcioInterSerie A

Il Parma ferma l’Inter

La squadra di D’Aversa spegne i sogni nerazzurri di tornare in testa alla classifica

L’Inter non sfrutta il mezzo passo falso della Juventus, 1-1 a Lecce, e pareggia contro il Parma Per 2-2. Dopo la rete di Antonio Candreva, la squadra si blocca e il Parma ne approfitta per ribaltare il risultato grazie prima a l’ex Karamoh e poi aGervinho. Ad inizio ripresa la rete di Lukaku, non buona la sua prova, consente un pareggio.

Il pareggio della Juventus a Lecce infiamma il tifo nerazzurro accorso, come sempre, numeroso per sostenere la “beneamata”. Eppure l’avvio di partita della squadra di Antonio Conte è compassato, timido come se ormai, nella testa dei giocatori, fosse entrato il pensiero che “tanto prima o poi la gara la vinci”. Il giro palla dell’Inter è lento, prevedibile, focalizzato spesso su Candreva, sulla destra, per inventare qualche assist per gli attaccanti.

Mentre il Parma è ben messo in campo: occupa bene gli spazi senza mai offrire profondità ai nerazzurri. La prima parte della gara vede più gli ospiti  andare vicino al vantaggio con Karamoh  di testa sfiora il vantaggio e Dermaku che, da fuori area, tira a colpo sicuro. Handanovic che, come un gatto, devia in angolo con le punta delle dita.

In mezzo alle due occasioni ducali, l’Inter si fa vedere  solo un’occasione, con Gagliardini che, servito da Martinez, costringe Sepe alla deviazione in angolo.

Nel momento migliore degli undici di D’Aversa è l’Inter a passare in vantaggio: Candreva raccoglie il pallone allontanato dalla difesa parmense e da fuori aerea, batte Sepe dopo una deviazione di Dermaku. Partita sbloccata.

Ma invece di prendere la discesa, diventa improvvisamente in salita.

Con la complicità di Marcelo Brozovic, Karamoh e compagni in quattro minuti, tra il 26′ e il 30′, ribaltano il risultato. Il croato sbaglia un facile disimpegno ed invece di servire Diego Godin, imbecca il giocatore ivoriano che, dal limite dell’area, trafigge Handanovic. Subito dopo sbaglia l’anticipo sul numero 7 gialloblu bravo a puntare l’area avversaria prima di servire  Gervinho che, tutto solo, raddoppia.

Lo svantaggio sembra stendere nuovamente gli uomini di Conte. La squadra è frastornata, non si intravede una reazione e l’unico pericolo per Pepe arriva da Martinez il quale di testa manda fuori un cross di Candreva.

Nell’intervallo Conte deve aver catechizzato i suoi perchè al rientro sul terreno di gioco sembrano dei leoni alla ricerca della preda. Finalemente la manovra diventa rapida, veloce, con continue verticalizzazioni sulla destra dove Candreva sforna cross a ripetizione. Ed proprio da una giocata del numero 87 che dalla destra crossa per Lukaku, il belga tutto solo deposita in rete. Gol prima annullato per fuorigioco dell’ex laziale, ma dopo 5’ convalidato dopo l’intervento della Var. Si gioca costantemente con gli undici di Conte alla ricerca del vantaggio, i nerazzurri sono padroni del campo con il Parma che pensa solo a difendersi.

Alla metà della ripresa il tecnico leccese ridisegna la squadra alla ricerca della vittoria sostituendo uno stremato Martinez ed inserendo Sebastiano Esposito; successivamente è il turno di Matteo Politano al posto di Gagliardini.  I pericoli tuttavia arrivano sempre da Candreva che, dal limite dell’area, calcia alto. Il Parma è alle corde e, allo scadere,i nerazzurri hanno le ultime possibilità di portare a casa una vittoria che ai punti avrebbero meritato. Da angolo Esposito calcia al volo ma la palla esce di un niente; dopo è sempre il giovane attaccante, che su cross di Barella dalla destra, colpisce di testa mandando alto.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close