2019CalcioInterSerie A

L’inter ci crede…in tutti i Sensi

La squadra di Conte ottiene la vittoria contro l'udinese e si porta prima in classifica a punteggio pieno.

Con una rete di Sensi nel primo tempo, l’Inter conquista la terza vittoria di fila. La squadra di Conte ha mantenuto costantemente il pallino del gioco concedendo ai friulani soltanto un’ occasione per tempo. Decisiva l’espulsione di De Paul quando ancora la partita era sullo 0-0

Nella notte magica milanese, più di 58.000 spettatori, per la seconda gara interna dell’inter di Antonio Conte che conferma il 3-5-2 inserendo Godin, alla sua prima partita da titolare, alla destra di De Vry. A centrocampo debutto anche per Barella sul centro destra e, a sorpresa, Politano schierato seconda punta in appoggio all’acclamato Lukaku. Novità anche in casa friulana, Igor Tudor decide di affrontare i nerazzurri con lo stesso schema tattico, fuori Mandragora dentro Walace.

Sono proprio i nerazzurri che prendono in mano il pallino del del gioco, già al 4′ minuto Politano dal limite dell’area con un sinistro preciso colpisce il palo esterno alla sinistra di Musso, Passano pochi minuti ed è Sensi che al volo impegna Musso alla deviazione. L’Inter è solida, ben messa in campo, ma l’atteggiamento difensivo dell’udinese non lascia spazi alle verticalizzazioni di Sensi e compagni, spesso viene cercato Lukaku, troppe volte spalle alla porta e mai in condizione di fare male, e Candreva che sulla destra si fa trovare sempre libero per sfornare cross a ripetizione.

Per assistere alla prima e unica occasione dell’Udinese bisogna attendere il 24′: punizione di Rodrigo De Paul che trova Becao, bravo a gestire il pallone e appoggiarlo per Walace  che spreca tirando debolmente tra le mani di Handanovic.

A dieci minuti dalla fine del primo tempo l’episodio che ha cambiato l’andamento della gara, con la palla lontana  Rodrigo De Paul tira una manata in in faccia a Candreva. Il direttore di gara si reca al VAR e per l’argentino è rosso diretto.

La superiorità numerica da subito la scossa, ci prova Politano direttamente su punizione costringendo Musso in angolo che, subito dopo,  non può nulla sul colpo di testa di Sensi bravo ad inserirsi e ad anticipare Bacao sul cross di Godin.

Complice il vantaggio e la superiorità numerica la squadra di Conte inizia la ripresa cercando più a mantenere il possesso del pallone e abbassando i ritmi, lasciando più spazi alla squadra di Tudor che con Lasagna impegna Handanovic in angolo. Scampato il pericolo Lukaku e compagni creano due occasioni in pochi minuti, prima Politano e subito dopo Gagliardini costringono Musso a deviare in angolo. E sempre il portiere argentino che sulla punizione di Sensi è costretto a superarsi per deviare in angolo.

Conte in ottica Champions sostituisce Lukaku con Lautaro Martinez e Politano con Sanchez che debutta proprio contro la sua ex squadra. Ed è proprio il cileno, su invito di Candreva, ad impegnare Musso alla respinta. L’Inter ottiene 3 punti,  approfitta del pareggio della Juve nel pomeriggio e, in vista del derby di sabato prossimo, si gode il primato in classifica a punteggio pieno.

INTER-UDINESE 1-0 
44′ Sensi
INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; Candreva, Barella (46′ Gagliardini), Brozovic, Sensi, Asamoah; Politano (80′ Sanchez), Lukaku (65′ Lautaro). All. Conte
UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, De Maio, Opoku; Larsen, Walace (81′ Mandragora), Fofana, Jajalo (71′ Barak), Sema (81′ Pussetto); De Paul, Lasagna. All. Tudor
Espulso De Paul (U) al 36′
Ammoniti: Barella (I), Becao (U), Candreva (I)

Tags

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close