2019CalcioChampions LeagueInter

L’Inter spreca e il Barcellona la beffa

I nerazzurri con un ottimo primo tempo mettono paura al Barcellona

L’Inter esce sconfitta da Barcellona e con la vittoria del Borussia vede già compromettersi il passaggio del turno. Dopo la rete al 3 di Lautaro ci pensa Suarez, doppietta per lui, a ribaltare il risultato e lasciare l’amaro in bocca a Conte.

La partita è iniziata come meglio non si poteva chiedere, Martinez lanciato in profondità regge fisicamente a Lenglet e in scivolata trova un diagonale che non lascia scampo a Ter Stegen.
E’ un Inter, quella del primo tempo,  che sembra il Barcellona per mentalità, personalità, carisma quella che si vede al camp nou. Barella Sensi e Brozovic comandano il centrocampo con il croato in cabina di regia e gli altri due liberi di inserirsi negli spazi. Ritmo, ordine tattico, aggressività e ripartenze veloci mettono in difficoltà i catalani. Ottimo Candreva sulla destra, l’ex Lazio ha dato qualità fino a quando il fisico lo ha sostenuto, proprio da un suo cross Lautaro colpisce a colpo sicuro ma Ter Stegen compie un miracolo e tiene in partita i suoi. Nella ripresa al suo posto  entra D’Ambrosio, che non ha saputo dare, per caratteristiche e qualità, il rendimento del numero 87.  I nerazzurri hanno avuto il demerito di non aver chiuso la gara nel primo tempo e quando non lo fai contro Messi e compagni, diventano guai. Passano i minuti e la qualità dei bluegrana viene fuori  e per la difesa nerazzurra sono dolori. Valverde cambia assetto tattico passando al 4-2-3-1 con l’inserimento di Vidal nel ruolo di trequartista. Ed è stato proprio il Cileno che con la sua dinamicità e classe ha spostato  gli equilibri di una gara l’Inter aveva in controllo. Prima con un assist perfetto per Suarez che al volo si inventa una rete da campione, ed e sempre l’ex juventino che allo scadere anticipa Godin e davanti ad Handanovic lo batte con freddezza.
I nerazzurri tornano da Barcellona con la consapevolezza dei essere una squadra tosta, che può giocarsela con chiunque. La Juve è avvisata.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close