CalcioMilanSerie A

Milan-Udinese 3-2: Che saltino gli equilibri!

E' un Milan dalla doppia faccia, quando attacca è incisivo, ma in fase difensiva è pressoché disastroso. A centrocampo mancano completamente le geometrie

E’ un Milan dalla doppia faccia, quando attacca è incisivo, ma in fase difensiva è pressoché disastroso. A centrocampo mancano completamente le geometrie e Bonaventura crea più svantaggi che vantaggi. Non salta mai l’uomo, non gioca di prima e non riesce mai a verticalizzare.

La strada che porta alla rinascita sembra essere comunque lunga e tortuosa. Vedendo questo Milan-Udinese si ha l’impressione che i rossoneri di Mister Pioli debbano giocare con l’idea di fare un gol in più e quindi tralasciare gli equilibri tattici. Sembra una follia, ma potrebbe essere proprio la chiave di svolta di una stagione nata male e continuata peggio.

Theo Hernandez e Zlatan Ibrahimovic stanno cambiano la mentalità, ma c’è anche da sottolineare come la presenza in campo di Castillejo abbia dato una nuova linfa agonistica. All’uscita dello spagnolo i rossoneri e con il conseguente ingresso di Krunic, hanno indietreggiato il baricentro e preso immediatamente il gol. Questa squadra deve diventare Zemaniana se vuol sperare di regalare qualche gioia ai suoi numerosi tifosi. Fortunatamente Ante Rebic è riuscito a trovare il gol del definitivo 3 a 2 all’ultimo istante.

Tags

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close