2019CalcioInterSerie A

Si ferma Sensi

Tegola in casa nerazzurra, il centrocampista a metà primo tempo ha dovuto abbandonare il terreno di gioco per un problema muscolare

Domenica sera, San Siro, 75.000 spettatori. Calcio di inizio tra Inter e Juventus; la gara prosegue con diverse azioni fino a quando a metà primo tempo, Sensi si inginocchia sul campo. Incredulità tra gli spalti, i tifosi iniziano a guardarsi, cercando di capire che cosa stia accadendo; si interrogano, forse un colpo? Esce dal terreno di gioco ma rientra. Il pericolo sembra ormai alle spalle ma Conte, poco dopo invece, decide di toglierlo. Sensi si tocca il linguine, qualcosa non va, i fan si mettono le mani nei capelli, non vogliono crederci. Gli esami parlano chiaro: elongazione agli adduttori della coscia destra; impossibile il rientro per la sfida contro il Sassuolo, lo staff medico dell’Inter proverà a metterlo a disposizione di Conte per la sfida di Champions contro il Borussia Dormund.
Quando quest’estate, Sensi, è atterrato a Malpensa, nessuno, neanche i più esperti di calcio che già conoscevano le sue caratteristiche, si sarebbero aspettati che il “folletto” diventasse indispensabile per la squadra, per il gioco di Conte; diventando, così, un valore aggiunto. Conte l’ha cercato, l’ha chiesto, l’ha voluto, non ha mai smesso di credere in lui. A distanza di mesi, nessuna scelta fu mai più centrata. Con le sue giocate, il nerazzurro, partita dopo partita ha conquistato non solo il mister ma anche la tifoseria che ormai, sempre di più, l’ha scelto come idolo.
E adesso? Che il centrocampista rimarrà fuori? Cosa accadrà?. Dopo la sua sfortunata uscita in una gara molto importante, la squadra ha avuto un momento di disorientamento concedendo troppi errori, occasioni agli avversari. L’Inter sembra non essere più la stessa senza il suo “mago”.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close