2019CalcioMilanSerie A

Suso regala tre punti di ossigeno

Il Milan batte la Spal e torna alla vittoria. Una rete di Suso appena entrato scaccia i fantasmi.

Nella notte di Halloween Suso trascina il Milan alla vittoria. Con una rete su punizione lo spagnolo, appena entrato, regala tre punti fondamentali e allontana i rossoneri dalla zona bassa della classifica. Non è stata una buona prova della squadra di Stefano Pioli, partita sottotono è migliorata nella ripresa senza però mai creare veri pericoli alla porta di Berisha.

Che il Milan fosse una squadra da ricostruire lo sapevano tutti. Dopo l’arrivo di Marco Giampaolo in estate, con il compito di trasmettere un’idea di gioco differente al solito 4-3-3, nessun tifoso si sarebbe aspettato che, al 31 ottobre, dopo il subentro di Stefano Pioli sulla panchina milanista, i rossoneri fossero un cantiere aperto senza ancora ne capo ne coda.

Il primo tempo contro la Spal, penultima in classifica, è forse il più brutto giocato dai rossoneri che mostrano tutti i limiti mentali, fisici, tattici, tecnici e organizzativi della squadra di Pioli. Eppure l’ex tecnico della Lazio ha provato a presentare qualcosa di nuovo: fuori Suso e Biglia, fischiati durante la lettura delle formazioni, e Leao per far spazio a Castillejo, Biglia e Piatek. Ma i cambi non danno l’effetto sperato, squadra lenta, senza idee che trovano la via della rete solo in una occasione. Al 13′ Paquetà cambia gioco per Hernandez, il cross basso viene svirgolato da Piatek, ma Castillejo da due metri centra in pieno la traversa. Tutto qui il Milan nei primi 45′ minuti. Kessie e Bennacer non danno ritmo ne tantomeno qualità, Calhanoglu non entra mai nel vivo dell’azione mentre Paquetà gioca a corrente alternata. La Spal è ben messa in campo senza però mai creare problemi a Donnarumma.

L’inizio della ripresa vede subito un sussulto milanista, Paquetà verticalizza per Hernandez che batte Berisha, ma la rete viene annullata per fuorigioco del francese. Rispetto alla prima frazione il diavolo ha alzato il baricentro, concedendo meno campo ai ferraresi. Pioli, dopo aver sostituito Musacchio per Calabria, inserisce Suso al posto di uno spento Castillejo. La scelta si rivela azzeccata visto che lo spagnolo, dalla sua zolla preferita, pennella una punizione con Berisha che può solo guardare la palla entrare in rete. Il vantaggio rassicura i 46 mila spettatori, ma non da la scossa che ci si aspetta e la Spal rimane in partita. A dieci dalla fine Paquetà, servito da Calhanoglu, addomestica con classe il pallone ma sul più bello viene chiuso dal portiere albanese.

I rossoneri provano a chiudere la gara per evitare sorprese, tra il 79′ e 81′ sempre Paquetà in due occasioni cerca la rete ma Berisha in tutte e due le circostanze salva la propria porta. In chiusura di gara applausi per il numero 39, buona la sua prova, che lascia il campo a Jack Bonaventura.

Il Milan torna alla vittoria ma da salvare c’è solo il risultato, che allontana il Milan da posizioni pericolose. Per i rossoneri ormai è tempo di conferme, le prossime tre partite contro Lazio, Juventus e Napoli saranno già decisive per il proseguo del campionato. Buon lavoro Pioli.

Tags

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close