2019CalcioChampions LeagueInter

Torna la Champions League, in campo domani Inter-Slavia Praga

L'Inter ricomincia l'avventura in Champions, tutto sulla sfida contro lo Slavia Praga

Dopo aver conquistato la vetta in campionato l’Inter è attesa al debutto in Champions League. Martedì c’è Slavia Praga-Inter.

Conte potrebbe cambiare qualcosa della formazione vista con l’Udinese. Torna titolare Lautaro Martinez pronto ad esordire dal 1′ al fianco di Lukaku che dovrebbe recuperare. Dovrebbe essere confermato invece il tridente difensivo Godin-De Vrij-Skriniar. Sulla fascia destra D’Ambrosio farà rifiatare Candreva. In mezzo riposa Barela.

Andiamo per gradi, l’Inter lo conosciamo, cerchiamo di capire chi è lo Slavia Praga

Sulla carta lo Slavia Praga sarà l’anello debole del girone con l’Inter come protagonista, la squadra di Trpisovsky è riuscita a tornare alla fase a gironi dopo un lungo periodo di assenza e spera di ben figurare contro avversari di alto livello.

FORMAZIONE TIPO – (4-2-3-1) Kolar; Coufal, Kudela, Hovorka, Boril; Kral, Soucek; Van Buren, Stanciu, Olayinka; Skoda. Allenatore: Trpisovsky.

TOP PLAYER – Il giocatore più importante osservando la rosa dello Slavia Praga è Tomas Soucek, il centrocampista è stato peraltro accostato a più riprese a un passaggio in Serie A. Dopo tante voci, però, Soucek è sempre rimasto in patria e la situazione non è cambiata neanche in questa sessione di mercato.

Precedenti di Inter-Slavia Praga

In un girone di Champions League oggettivamente difficile, la doppia sfida con lo Slavia Praga viene considerata la più abbordabile per l’Inter se consideriamo che le altre avversarie si chiamano Barcellona e Borussia Dortmund. Pochi però, tra gli interisti più giovani e, forse, anche meno giovani sanno che allo Slavia Praga è legata la peggior sconfitta dei nerazzurri e di tutto il calcio italiano in una competizione europea.

Bisogna fare un salto indietro nel tempo di 81 anni, alla Coppa dell’Europa Centrale del 1938. In quel di Praga, l’allora Ambrosiana-Inter incassò ben nove reti a zero, un risultato incredibile tenendo anche conto della forza di quella squadra, anche se sull’altro fronte c’era una vera corazzata.

Non ci sono precedenti tra i due club se parliamo delle tre tradizionali coppe europee, Coppa dei Campioni-Champions League, l’ormai estinta Coppa delle Coppe ed in Coppa Uefa-Europa League e nemmeno in Coppa delle Fiere.

C’è però una doppia sfida in Mitropa Cup che risale al caldissimo luglio del 1938, in un momento certamente glorioso per l’Ambrosiana-Inter e per tutto il calcio italiano. I nerazzurri hanno appena vinto il quarto scudetto della loro storia, la squadra allenata da Armando Castellazzi annovera tra le sue file il talento unico di Giuseppe Meazza e la classe cristallina di Giovanni Ferrari ed entrambi, meno di un mese prima, sono stati protagonisti del bis mondiale dell’Italia di Vittorio Pozzo.

In squadra ci sono altri tre campioni del mondo, Locatelli, Ferraris e Olmi, oltre al campione olimpico Annibale Frossi ed all’emergente Campatelli.

Le probabili formazioni del match di Champions League

Le probabili formazioni di Inter-Slavia Praga, match della prima giornata della fase a gironi di Champions League 2019/2020. La formazione di Antonio Conte vuole approcciare subito bene a San Siro e ha la possibilità di farlo in questo esordio del gruppo F. Il tecnico nerazzurro potrebbe cambiare qualcosa della formazione vista nel week end con spazio Lautaro Martinez pronto ad esordire dal 1′ al fianco di Lukaku. Dovrebbe essere confermato invece il tridente difensivo Godin-De Vrij-Skriniar. Ballottaggio tra D’Ambrosio e Candreva sulla fascia destra.

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro, Lukaku

Slavia Praga (4-2-3-1): Coufal, Kudela, Hovorka, Zeleny; Hora, Stanciu, Traore, Husbauer, Olayinka; Skoda

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close