Coppa Davis, nulla da fare per l’Italia: Canada in finale

L’Italia ci ha provato con grande cuore a portare a casa una finale, che sarebbe stata storica, ma il Canada è stato più cinico

I ragazzi di Filippo Volandri hanno messo tutto in campo, andando anche contro alle defezioni che non hanno permesso di avere la squadra migliore in campo. Un grande Canada, però, conquista la finalissima e si giocherà la coppa più ambita contro l’Australia.

Italia Canada
Italia Canada (Ansa Foto)

Nella prima sfida della giornata arriva una battaglia da annali tra Lorenzo Sonego e il giovane, promettente canadese, Denis Shapovalov. Nel primo set il canadese parte meglio e si trova avanti di un break in apertura, Sonego però non molla e con caparbietà riequilibra il parziale e lo porta al tie-break dove gioca meglio i punti decisivi e lo porta a casa. Il secondo set fila liscio fino agli ultimi games, dove lo stesso Sonego annulla alcuni set poi e riporta nuovamente la contesa al tie-break, questa volta l’azzurro perde i punti decisivi, pur essendo sopra anche 5-2 e un grande Denis Shapovalov conquista il set e rimanda tutto al parziale decisivo. Nell’ultimo set il tennista nativo di Torino è, completamente, in controllo e dopo aver conquistato il break non sbaglia più nulla, 1-0 per l’Italia.

Coppa Davis: Italia, che peccato!

Fognini Berrettini
Fognini Berrettini (Ansa Foto)

Nella seconda gara della giornata è sceso in campo il nostro Lorenzo Musetti al cospetto di uno dei migliori giocatori della stagione. Felix Auger-Aliassime. A differenza si quanto accaduto due giorni fa contro Taylor Fitz, oggi il tennista di Carrara non è quasi mai entrato in partita, anche grazie alla preponderante forza del canadese che al servizio, e negli scambi, gli ha concesso le briciole. Questo era un punto, quasi, certo per il Canada ma lo stesso Auger-Aliassime è stato molto bravo a non farsi trovare impreparato, con un 63 64 che ha consegnato ai nordamericani il punto del pareggio, portando la contesa al doppio decisivo.

Il doppio decisivo ha visto i due capitani, Frank Dancevic e Filippo Volandri, cambiare alcuni interpreti rispetto ai quarti di finale. Matteo Berrettini è subentrato, al fianco di Fabio Fognini, al posto di Simone Bolelli che ha subito un infortunio al polpaccio nella gara di due giorni fa. I nordamericani, invece, hanno messo Felix Auger-Aliassime al fianco di Vasek Pospisil. La gara è stata equilibrata, con il primo set al tie-break vinto ai dettagli al tie-break e, invece, il secondo set gli azzurri hanno ceduto il break nel momento decisivo. I due tennisti canadesi sono stati perfetti per tutto il match, gli azzurri hanno mancato qualche occasione e Matteo Berrettini è sembrato, giustamente dopo un infortunio, un po’ in difficoltà.